LA CACCIA AI BECCACCINI

58 - Copy

IMG_2270

 

dffff beccaccino IN RISAIA  (1 settembre-30 settembre)
Dopo la rivoluzione di dicembre del 1989, il processo sommario e l’esecuzione del dittatore Ceausescu, l’economia agricola statale della Romania precipito’ nel caos piu`profondo. Molte delle grandi opere volute dal regime furono abbandonate a se stesse e distrutte dal degrado, dall’ incuria e dal tempo. Eguale sorte tocco’ alle migliaia di ettari di risaie situate lungo il corso del Danubio e dei suoi affluenti che, alimentate da una rete idrica ingegnosa e capillare di canali di irrigazione e di stazioni di pompaggio, furono saccheggiate dagli uomini e lasciate al pascolo del bestiame brado e delle greggi di capre e di pecore.
Oggi ad opera di investitori stranieri, soprattutto Italiani (progetto Danubio-riso Scotti), questo prezioso patrimonio si sta alacremente ricostituendo e la coltivazione del riso rinasce con nuove tecnologie agro-­industriali in tutta la Romania d’un tempo per cercare di raggiungere e superare la cifra di 70mila ettari, esistenti prima della Rivoluzione e l’ambizione di diventare, in un prossimo futuro, il piu` grande produttore risiero dell’ Unione Europea attualmente detenuto dall’Italia (219mila ha) e dalla Spagna (110mila ha). Al momento sono circa 40mila gli ettari di terreno ripristinati a risaia permanente (province Brãila, Galati, Tulcea, Ialomita, Cãlãrasi, Olt, Constanta, Giurgiu, Dolj, Timis, Teleorman) che dovrebbero aumentare a 50mila nei prossimi anni.
Per i ‘beccaccinisti’ e’ uno stupendo paradiso venatorio!  Il periodo migliore per questa caccia e` il mese di settembre, prima del raccolto, anche se moltissimi beccaccini sono presenti gia’ nel mese di agosto.

beccaccino 3

3

i nostri appostamenti fissi in risaia per la caccia ai beccaccini – (foto marinelli)  

25

24
il principe Mario Chigi a caccia di beccaccini nelle risaie di Braila – (foto marinelli)

IMG_2273

l’amico Marco, i beccaccini e la marcita al bordo della risaia – (foto marinelli)

11212121

il risultato di tre giorni di caccia in risaia, due fucili – (foto marinelli)

jkjkjkjkkbeccaccino

la mia straordinaria Cecilia su beccaccini in stoppia di riso – (foto marinelli)

3beccaccino

la mia indimenticabile Sabrina su beccaccini in palude – (foto marinelli)

Per non arrecare danno alle piantagioni ci si apposta all’alba in capanni mimetici camuffati con vegetazione palustre locale nei luoghi di maggior traccheggio. Durante le prime ore del mattino, dall’alba alle 11 e del tardo pomeriggio dalle 17 al tramonto, e` un susseguirsi ininterrotto di branchetti piu` o meno numerosi di ‘becchilunghi’ che si rincorrono in cielo, abbassandosi e alzandosi veloci alla ricerca di cibo e di pastura.
Si spara di punta e di traverso. I tiri sono difficili soprattutto quando gli uccelli si fiondano in picchiata, zigzagando fra loro, per posarsi nella fanghiglia molle del riso. Un buon fucile puo` abbattere molte decine di capi al giorno fino a oltre cinquanta con contorno di qualche germano reale, alzavola o marzaiola.
Col sole alto i beccaccini sostano tranquilli nel folto delle spighe verdi del riso, isolati, a coppia o in piccoli gruppi . Si sentono al sicuro nella quiete del loro ambiente naturale e si lasciano avvicinare in silenzio a pochi passi di distanza . II frullo, accompagnato dal caratteristico verso, e’ rumoroso e emozionante ! Si spara rapidamente di imbracciata. Indispensabile per il recupero dei selvatici abbattuti l’ausilio di piccoli cani da riporto addestrati correttamente al ‘dietro’ senza i quali la maggiore parte delle prede e’ irrimediabilmente persa.
Ai primi di ottobre le parcelle vengono prosciugate per la trebbiatura e, secondo le tecniche agricole moderne, subito arate nel giro di pochi giorni. I selvatici per mancanza di habitat e di humus sono costretti a sloggiare e a trasferirsi in palude o nelle marcite limitrofe.
La caccia bella e vagabonda nelle stoppie di riso semiallagate dalla pioggia, dove i cani davano saggio della loro velocita` d’azione e della loro potenza di olfatto, appartiene ai ricordi del passato!

4beccaccino

Brezza su beccaccini in palude – (foto marinelli)

 

5beccaccino

Zara e Nana` su beccaccini in stoppia di riso – (foto marinelli)

7
a beccaccini in risaia con Nana` e Zara (a destra) – foto marinelli

 

IN PALUDE E IN MARCITA COL CANE   (1 sett – 15 ott)
Se nella uniforme monotonia della risaia i beccaccini sono concentrati esclusivamente nelle ‘parcelle’ delle stoppie allagate, nella vastita’ della palude possono trovarsi sparsi ovunque. Pertanto per questa caccia, molto difficile e entusiamante, occorrono ausiliari specialisti appositamente dressati e selezionati. Dalla cerca panoramica, indipendenti, dotati di una ferma statuaria e di un olfatto potente atto reperire a grande distanza sulla bava sottile del vento l’emanazione dei beccaccini posati in pastura. Resistenti all’acqua, alla fatica e alle intemperie. Buoni recuperatori, e non e` tutto!, diversamente e` meglio lasciare il cane a casa, a riposo nella cuccia!
L’ambiente palustre danubiano, grandioso e suggestivo, e` costituito da pantani e acquitrini ricoperti da falasco e piante subacquee, da giuncheti bordati da stagni, canneti e piccole piscine, da marcite e prati d’erba allagati in superfice vaccinati da numeroso bestiame bovino lasciato al pascolo brado.
Vagare in questi habitat primitivi e` come tornare indietro nel tempo all’Italia dei primi decenni del Novecento alle immagini struggenti e affascinanti della Maremma toscana e laziale, dell’Agro romano, di Maccarese, delle paludi Pontine, del Candelaro e di Manfredonia, rivivendo con la fantasia i racconti e le giornate di caccia degli autori di allora e i carnieri eccezionali di ‘becchilunghi’.
Il periodo migliore per questa caccia e` il mese di settembre fino alla meta` del mese di ottobre. Coi primi freddi e alle prime gelate notturne i beccaccini migrano verso le Isole e le regioni piu` temperate del Mediterraneo centrale e i quartieri di svernamento dell’Africa settentrionale e dell’ Asia Minore.

66beccaccino

Nana` e Susy su croccolone in marcita di montagna – (foto marinelli) 

IMG_20HHH160310_0003

73 - Copy
ferma e consenso su frullino – (foto marinelli)

scan 5

23
foto dell’amico Roberto Di Jullo

scan 2ggg

Tell su beccaccino in palude

2011-02-22 15.34.14

2014-09-22 11.09.41

2014-09-22 10.39.00

foto dell’amico Roberto Di Jullo

2222014-09-22 10.38.07

 

contatti: Romania 0040.742549126
programmi e listino prezzi: ‘marinellia.caccia@yahoo.com’

Back To Top